Strongoli : i volontari della ProLoco puliscono la Tomba del console Marcello.

Per i volontari della Pro Loco di Strongoli è stata una domenica
dedicata alla tutela del patrimonio archeologico e storico. I soci
hanno deciso di attenzionare uno dei beni più rappresentativi del
territorio, la Tomba del Console Romano Marcello che si presentava
completamente ricoperta da erbacce e non fruibile ai visitatori.
Anziché approfittare del sole, del mare, con i primi caldi di
stagione i volontari si sono recati di buon mattino in località
Pizzuta di Giunti dove ad attenderli vi era la pulizia del mausoleo.
Muniti di zappa, rastrello, forca, forbici e tagliaerba hanno ripulito
completamente l’area rendedola sin da subito fruibile ai visitatori.
L’iniziativa è nata nell’ottobre scorso quando la Pro Loco di
Strongoli ha segnalato all’ Ispettore Onorario per la Tutela dei Beni
Archeologici per il territorio di Crotone Paolo Nereo Morelli lo stato
di abbandono del mausoleo di epoca romana (fine del I – inizi del II
sec. d.C.) meglio noto comr “Pietra du Tesauro” o “Pietra del tesoro”,
dove la tradizione popolare identifica la tomba di Marcello, morto
combattendo contro Annibale in queste pianure. A seguito di questa
segnalazione è stato eseguito un sopralluogo congiunto in
località”Pizzuta di Giunti”, a seguito del quale è stato accertato
che il monumento era ancora in un discreto stato di conservazione ma
compromesso da una folta vegetazione invasiva.
La Pro Loco ha chiesto così ufficialmente alla Soprintendenza per
l’Archeologia, Belle Arti e Paesaggio competente l’autorizzazione a
compiere la bonifica dell’area, consistente nell’eliminazione della
vegetazione invasiva, allo scopo di valorizzare il sito mediante la
realizzazione di pannellistica.
La Soprintendenza ha espresso parere favorevole alla bonifica
dell’area vincolata e del monumento funerario romano da eseguire sotto
il controllo dell’Ispettore Onorario Paolo Nereo Morelli e alla
realizzazione di pannellistica ai fini della valorizzazione del sito
su indicazione del funzionario archeologo di zona dott. Alfredo Ruga.
Domenica 6 maggio dunque i volontari della Pro Loco, previa
comunicazione alle autorità competenti, alla presenza di Paolo Nereo
Morelli, hanno eliminato la vegetazione che ne oscurava il sito.
Nel frattempo è stata chiesta al Consorzio di Bonifica la rimozione
del canale di irrigazione, ormai in disuso, che consentirebbe una
fruizione migliore del sito.
L’area è ora visitabile e fruibile per scolaresche e visitori.

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...